I disagi del viaggio, poesie di Paolo Polvani

da I disagi del viaggio di Paolo Polvani
  
 

Natale

   

Forse è il sorriso la maniera più saggia
di stare al mondo.  Lei si chiama Mihaela.
Il suo sorriso non nasce dal rotolarsi
in un letto con un fidanzato, gridando
di gioia, o dall’estenuarsi nelle discoteche
barcollando con un bicchiere in mano,
oppure dal cicaleccio fitto di compagne,
o dallo spiare con commozione una ruga nuova sul volto
della madre, in una casa calda, ed è Natale,
no, lei sorride e fa la badante a una vecchia pazza
che le rinfaccia il suo essere rumena, che hanno dovuto
mentirle, dirle che viene dalla Russia,
perché lei non l’avrebbe presa una rumena, con tutto quello
che si dice in giro. Mihaela sorride, ed è Natale.
Paolo Zanardi - Parma con neve, dicembre 2009
***
   

Buongiorno

Al suo paese Aziz è un ingegnere.
Qui fa il lavavetri a un incrocio,
ai semafori di via regina Margherita.

E’ abituato ai dinieghi Aziz, li scorge
oltre i parabrezza, a volte
somigliano a minacce.

Nessuno gli ha mai detto:  Buongiorno ingegnere !

Del resto non è scritto
sulla bottiglia con l’acqua e con la schiuma,
sul raschiello, sulle mani e nemmeno
sul viso in bilico tra il sorriso e la disperazione.

Però nessuno gli ha neanche detto:  Buongiorno Aziz !
A pensarci bene nessuno gli ha mai detto:  Buongiorno.

Luca Bartolotti Third class_art

Annunci

fanzine on line per la diffusione della buona poesia

Tagged with: , ,
Pubblicato su Autori, Poesia italiana, Polvani Paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: